info legacoop liguria

info legacoop liguria
logo info legacoop liguria
news sito aggiornato a Agosto 2019
La rivista online di Legacoop Liguria

Indennizzo "una tantum" relativo al crollo del Ponte Morandi

Con ordinanza n. 15/2019 del Commissario Delegato al Ponte Morandi, è stata prevista la possibilità per i lavoratori e le aziende penalizzati nella propria attività dal crollo del Ponte Morandi, di ricevere un’indennità a ristoro degli effetti economici negativi tutt’ora perduranti.

 

Possono beneficiarne sia i lavoratori del settore privato dipendenti da aziende operanti nelle aree del territorio della città metropolitana di Genova, individuate con provvedimento del Commissario delegato, che hanno subito un impatto economico negativo, sia i titolari di attività di impresa e professionali che abbiano dovuto sospendere l’attività a causa dell’evento per 4 giorni lavorativi, anche non consecutivi.

 

Il provvedimento consiste in un’indennità una tantum pari a 15.000 euro, assegnata a seguito di apposita procedura istruttoria in cui sarà valutata la documentazione comprovante il nesso di causalità tra la perdita economica e l’evento disastroso, con l’applicazione dei controlli (nonché le eventuali sanzioni) previsti per le dichiarazioni rese ai sensi del DPR 445/2000.

 

Sono richiesti in capo ai destinatari due ulteriori requisiti.

 

Da un lato l’ubicazione della sede legale o dell’unità produttiva, in alternativa, nella:

  1. Zona Rossa;
  2. Zona Arancione;
  3. Zona Franca Urbana;
  4. Città Metropolitana di Genova;

come definite nei provvedimenti commissariali n. 21/2018 e n. 24/2018;

 

dall’altro, lo svolgimento dell’attività nella:

  1. Zona Rossa;
  2. Zona Arancione;
  3. Zona Franca Urbana.
  4.  

Il termine per la presentazione delle istanze relative all’indennizzo è fissato al 20 giugno 2019 compreso; le domande saranno trattate secondo l’ordine cronologico di presentazione, e la concessione dell’indennità avverrà con priorità a partire dalla Zona Rossa e nel limite delle risorse finanziarie disponibili.

 

Si consiglia ai soggetti in possesso dei requisiti ed interessati a beneficiare dell’indennità di attivarsi prima possibile, dato che la predisposizione delle istanze, vista la documentazione necessaria, richiede normalmente 10/15 giorni.

 

A cura del

Dott. Valter Semino

Studio Legale Ivaldi